Protocollo VLAD

Il programma VLAD (Valve Leak Acoustic Detection) della divisione FERP è parte integrante del FMP (Flare Minimization Plan) presso gli impianti ove è dislocata una torcia ed è specificamente rivolto a quelle valvole che interagiscono direttamente con il sistema che ad essa collettano. Ma l’ispezione acustica, che è una pratica DI&M (Directed Inspection & Maintenance) può essere rivolta ad ogni valvola in servizio gas e liquido operante presso qualsiasi zona dell’impianto ove si ritenga opportuno effettuare una verifica di tenuta del seggio.

Gli approcci di catalogazione ed ispezione sono i medesimi di LDAR EPA 453/R95 per le emissioni fuggitive: gli ESV (Emergency System Vent), le valvole ESD (Emergency Shut Down) e le valvole manuali di spurgo a blow down vengono localizzati, censiti ed inseriti in un database. Successivamente sono ispezionate utilizzando diverse tecnologie basate sull’emissione acustica ed ultrasonica, personalizzate ed integrate al fine della corretta rilevazione, quali Ultrasonic Automatic Detecting System, Airborne Ultrasound e HD Infrared.

I dispositivi ultrasonici utilizzano una sonda per rilevare il segnale acustico generato dalla fluttuazione di pressione causata dal trafilamento del fluido tra seggio ed otturatore, individuando il LEAKAGE THROUGH.

Nel settore Oil & Gas il Leakage Through contribuisce per quote significative alle emissioni COV di torcia. L’identificazione e la riparazione dei componenti che interagiscono con la rete di blow down, permettono un significativo recupero economico ed una quantificabile riduzione delle emissioni COV e CO2, all’interno di un piano di controllo formalizzato.